Comune di Gambugliano

COMUNICAZIONE URGENTE DEL SINDACO del 18.03.2020

Pubblicata il 18/03/2020

Cari Concittadine e Concittadini,
la maggior parte di noi sta rispettando in modo attento e corretto le indicazioni a cui ci obbliga il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo. Come sappiamo, il decreto è stato emanato per cercare di superare la pandemia da COVID-19 nel più breve tempo possibile.
Nei giorni successivi alla pubblicazione del Decreto, mi sono trovato, mio malgrado, a dover riprendere qualche comportamento scorretto.
Attualmente mi sembra, invece, che le nostre strade siano correttamente vuote eccezion fatta per quei cittadini che, per motivi di necessità, non possono stare a casa. 
Purtroppo, però, c’è ancora qualcuno (sia residente a Gambugliano che residente in altri comuni) che non rispetta le regole e si muove liberamente nel nostro territorio, senza una valida ragione.  
Ricordo che gli spostamenti sono consentiti solamente per:
  • Motivi di lavoro
  • Motivi di salute
  • Situazioni di necessità (fare la spesa, andare in farmacia o acquistare beni di prima necessità).
La spesa va fatta da una persona per famiglia evitando -per quanto possibile- di uscire tutti i giorni. È consentito fare attività motoria all’aperto e portare fuori i propri amici animali domestici ma è obbligatorio rimanere nell’ambito del proprio territorio. È comunque vietato creare qualsiasi tipo di assembramento così come fare attività con persone che non appartengano al proprio nucleo familiare (conviventi). Nel caso in cui si incontrino altre persone durante l’attività, vanno comunque sempre mantenute le distanze di sicurezza. Cercate di fare attività fisica sempre in sicurezza: in questo momento le risorse del Sistema Sanitario sono più preziose che mai: cerchiamo di non occuparle a causa di comportamenti poco prudenti.
Anche andare al parco giochi è consentito ma, anche in questo particolare caso, vige il divieto di creare assembramento, perciò i bambini non devono giocare a contatto e devono mantenere la distanza di sicurezza superiore al metro. Se ciò non è possibile, bisogna ritornare a casa. È importante che i bambini e i ragazzi non vadano MAI al parco da soli in quanto il loro comportamento deve essere sottoposto a controllo e sorveglianza da parte dei genitori: non sempre i nostri ragazzi hanno gli strumenti per capire l’importanza e la gravità di quanto stiamo vivendo perciò il compito di vigilare sui loro comportamenti, che possono mettere a rischio anche altri soggetti, è di noi genitori.
In molti comuni sono stati chiusi parchi giochi, piste ciclabili, sentieri e cimiteri perché la loro frequentazione non garantiva gli estremi di sicurezza degli utilizzatori a causa dell’eccessiva quantità di persone presenti contemporaneamente. Qui a Gambugliano, per il momento, non vedo la necessità di fare ordinanze in tal senso e spero di non doverle mai fare.
L’unica cosa veramente importante da fare in questo periodo è quella di STARE A CASA. Quando il Governo ha imposto questa direttiva l’ha fatto per la sicurezza di tutti, per cercare di diminuire i contatti e la diffusione del virus.
Stare a casa significa non avere contatti al di fuori delle mura domestiche, neanche con familiari che abitano nel nostro comune o, addirittura, con familiari che risiedono in altri comuni. Se i miei genitori vivono a Creazzo o a Sovizzo non devo andare  da loro per cena o per un semplice saluto. Devo stare a casa mia! Il mancato rispetto di questa direttiva, oltre ad essere punibile penalmente (in quanto non sussistono le ragioni di necessità che giustifichino lo spostamento), mette a repentaglio la nostra vita e probabilmente ancor più quella dei genitori in quanto soggetti più anziani.
Per cercare di limitare ulteriormente questi comportamenti scorretti, chiedo a tutti i cittadini di segnalarmi eventuali casi particolari in modo che possa attivarmi.
Cordialmente
Il Sindaco
Matteo Forlin
Tel. 347.0440869
Mail: sindaco@comune.gambugliano.vi.it

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Comunicazione Sindaco Corona Virus 18.03.20.pdf 436.75 KB

Facebook Twitter